Home Misteri Dolorosi

Messaggio di Medjugorje

Messaggio di Medjugorje
25 Dicembre 2013

"Cari figli! Vi porto il Re della pace perché Lui vi dia la Sua pace. Voi, figlioli, pregate, pregate, pregate. Il frutto della preghiera si vedrà sui volti delle persone che si sono decise per Dio e per il Suo Regno. Io con il mio figlio Gesù vi benedico tutti con la benedizione della pace. Grazie per aver risposto alla mia chiamata."

 

 

Vescovo di Timisoara



Sua Eccellenza
Monsignor Martin Roos

Vescovo di Timisoara



Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Misteri Dolorosi Stampa E-mail

 

 Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

 

O Dio, vieni a salvarmi.
Signore, vieni presto in mio aiuto.

 

Gloria al Padre ed al Figlio ed allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

 

INVOCAZIONI ALLO SPIRITO SANTO

Vieni, Spirito Santo,
manda a noi dal cielo
un raggio della tua luce.
Senza la tua forza,
nulla e' nell'uomo,
nulla senza colpa.
Vieni, padre dei poveri,
vieni, datore dei doni,
vieni, luce dei cuori.
Lava cio' che e' sordido,
bagna cio' che e' arido,
sana cio' che sanguina.
Consolatore perfetto;
ospite dolce dell'anima,
dolcissimo sollievo.
Piega cio' che e' rigido,
scalda cio' che e' gelido,
drizza cio' che e' sviato.
Nella fatica, riposo,
nella calura, riparo,
nel pianto, conforto.
Dona ai tuoi fedeli,
che solo in te confidano,
i tuoi santi doni.
O luce beatissima,
invadi nell'intimo
il cuore dei tuoi fedeli.
Dona virtu' e premio,
dona morte santa,
dona gioia eterna.

Amen

 

CREDO

Io Credo in Dio, Padre onnipotente,
creatore del cielo e della terra;
e in Gesu' Cristo,
suo unico Figlio, nostro Signore,

(ci si inchina)

il quale fu concepito di Spirito Santo,
nacque da Maria Vergine,
pati' sotto Ponzio Pilato,
fu crocifisso, mori' e fu sepolto;
discese agli inferi;
il terzo giorno risuscito' da morte;
sali' al cielo,
siede alla destra di Dio Padre onnipotente:
di la' verra' a giudicare i vivi e i morti.
Credo nello Spirito Santo,
la Santa Chiesa cattolica,
la comunione dei Santi,
la remissione dei peccati,
la risurrezione della carne,
la vita eterna.
Amen.

 

 

 

Meditazioni dei misteri dolorosi tratte dal Diario della Santa Suor Faustina

 

dolors1.jpg

1 MISTERO: L'Agonia del Getsemani.

Gesu' disse loro: "La mia anima e' triste fino alla morte. Restate qui e vegliate" Poi andato un po' innanzi, si getto' a terra e pregava che, se fosse possibile, passasse da lui quell'ora E diceva: "Abba', Padre! Tutto e' possibile a te, allontana da me questo calice! Pero' non cio' che io voglio, ma cio' che vuoi tu". (Marco 14,34-36) 

"Non bisognava che il Cristo sopportasse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?" (Luca 24,26)

La sera, quando entrai nella piccola cappellina udii nell'anima queste parole: "Figlia Mia, medita su queste parole: "Ed in preda all'angoscia, pregava più a lungo". Quando cominciai a riflettere più a fondo, molta luce penetrò nella mia anima. Compresi di quanta perseveranza nella preghiera abbiamo bisogno e che da tale faticosa preghiera dipende talvolta la nostra salvezza (84).

Clicca Play per ascoltare

dolors2.jpg

2 MISTERO: La flagellazione.

Disse loro Pilato: "Che faro' dunque di Gesu' chiamato il Cristo?". Tutti gli risposero: "Sia crocifisso!". Allora rilascio' loro Barabba e, dopo aver fatto flagellare Gesu', lo consegno' ai soldati perche' fosse crocifisso (Matteo 27,22-26).

"Mi ha amato e ha dato se stesso per me" (Galati 2,20)

Vidi Gesù mentre veniva flagellato. Che supplizio inimmaginabile! Come soffrì tremendamente Gesù per la flagellazione! O poveri peccatori, come vi incontrerete nel giorno del giudizio con quel Gesù, che ora torturate a quel modo? Il Suo Sangue colava per terra e in alcuni punti cominciava a staccarsi la carne. Sulla schiena ho visto alcune Sue ossa scarnificate. Gesù (...) emetteva flebili lamenti e sospiri (99).

Clicca Play per ascoltare

dolors3.jpg

3 Mistero: L'incoronazione di spine.

Allora i soldati del governatore condusseso Gesu' nel pretorio e gli radunarono attorno tutta la corte. Spogliatolo, gli misero addosso un manto scarlatto e, intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo, con una canna nella destra; poi mentre gli si inginocchiavano davanti, lo schernivano: " Salve, re dei giudei!" . E sputandogli addosso, gli tolsero di mano la canna e lo percuotevano sul capo (Matteo 27,27-30).

Uomo dei dolori che ben conosce il patire (...). Maltrattato, si lascio' umiliare e non apri' la sua bocca; era come un agnello condotto al macello (I Giovanni 4,9)

Dopo la flagellazione i carnefici presero il Signore e Gli tolsero la veste, che si era già attaccata alle Piaghe. Mentre gliela toglievano le Sue Piaghe si riaprirono. Poi buttarono addosso al Signore un mantello rosso, sporco e stracciato, sulle Piaghe aperte. Quel mantello arrivava alle ginocchia solo in alcuni punti. Poi ordinarono al Signore di sedersi su un pezzo di trave, mentre veniva intrecciata una corona di spine, con la quale cinsero la sacra Testa. Gli venne messa una canna in mano e ridevano di Lui, facendoGli inchini come ad un re. Gli sputavano in faccia ed altri prendevano la canna e Gliela battevano in Testa ed altri Gli procuravano dolore dandoGli pugni, altri Gli coprivano il Volto e lo schiaffeggiavano. Gesù sopportò in silenzio (... ). Facevano a gara per schernire il Signore. Riflettei da che cosa potesse derivare tanta malignità nell'uomo. E purtroppo questa deriva dal peccato. Si erano incontrati l'Amore ed il peccato (170).

Clicca Play per ascoltare

dolors4.jpg

4 Mistero: La "Via Crucis".

Mentre lo conducevano via, presero un certo Simone di Cirene, che veniva dalla campagna e gli misero addosso la croce da portare dietro a Gesu'. (Luca 23,26)

"Chi non porta la propria croce e non viene dietro di me, non puo' essere mio discepolo". (Luca 14,27)

Il mondo non conosce ancora tutto quello che Gesù ha sofferto. Gli ho fatto compagnia nell'Orto degli Ulivi e nel buio della prigione sotterranea, negli interrogatori dei tribunali; sono stata con Lui in ogni tappa della Sua Passione. Non è sfuggito alla mia attenzione un solo movimento, né un Suo sguardo. Ho conosciuto tutta l'onnipotenza del Suo amore e della Sua misericordia verso le anime (369).

Clicca Play per ascoltare

dolors5.jpg

5 Mistero: Crocifissione e morte di Gesu'.

Gesu', sapendo che ogni cosa era stata compiuta, disse per adempiere la Scrittura: "Ho sete". Vi era li' un vaso pieno d'aceto; posero percio' una spugna imbevuta di aceto in cima a una canna e gliela accostarono alla bocca. E dopo aver ricevuto l'aceto, Gesu' disse: "Tutto e' compiuto!" . E, chinato il capo, spiro' (Giovanni 19,28-30) 

Il Cristo Gesu' (...) spoglio' se stesso, assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini; apparso in forma umana, umilio' se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce (Filippesi 2,7-8)

Alle tre vidi Gesù Crocifisso che mi guardava e disse: " Ho sete ". Ad un tratto vidi che dal Suo costato uscirono gli stessi due raggi che sono nell'immagine. Nello stesso momento sentii nell'anima un desiderio di salvare le anime e di annientarmi per i poveri peccatori (253). Gesù ormai ha concluso la sua vita mortale, ho udito le Sue sette parole, poi ha guardato verso di me ed ha detto: " Diletta figlia del Mio Cuore, tu sei un refrigerio per Me fra orribili tormenti " (370).

Clicca Play per ascoltare

 

Salve Regina

Clicca Play per ascoltare